La distanza della maratona non venne subito standardizzata e fino alla maratona olimpica del 1924 essa ebbe diverse variazioni, comprese tra i 40 e i 42,75 chilometri. Nei primi anni la distanza della maratona era di circa 40 km, cioè la distanza tra Maratona ed Atene. La maratona olimpica del 1908, svolta a Londra, doveva originariamente partire dal Castello di Windsor e finire allo Stadio Olimpico, con un percorso di 26 miglia esatte (pari a circa 41.843 metri) a cui gli organizzatori aggiunsero 385 iarde (ossia circa 352 metri), in modo da porre la linea di arrivo davanti al palco reale. La distanza risultante fu in tal modo di 42.195 metri; tale distanza, dopo le successive edizioni dei Giochi del 1912 a Stoccolma e del 1920 ad Anversa, venne ufficialmente adottata nel 1921 dalla federazione mondiale di atletica e divenne ufficiale a partire dai successivi Giochi di Parigi del 1924.


 

Friday, 15 April 2011

Scambi impari

30 minutini di corsa per 38,5° gradi febbre il giorno dopo. Secondo me con sta storia della maratona mi stanno davvero coglionando.

3 comments:

  1. Coraggio Lorenzo, se fosse facile la maratona la correrebbe anche mia sorella (giusto per non tirare in ballo nessuno).

    Lorenzo, nel mio commento "scomparso" ti chiedevo, senza ironia, se oltre all'allenamento hai previsto anche un programma dietetico. Mettiamola cosi': se hai da portare un carico di 42 tonnellate (42 un numero a caso..) in cima al Monte Bianco, puoi aumentare la potenza del tuo elicottero ma anche eliminare i sedili in oro massiccio ;-)
    Il bello di un programma dietetico e' che lo puoi realizzare anche quando piove o sei impegnato, e sono chilometri e chilometri guadagnati nella tua maratona. Un saluto.

    Paolo

    ReplyDelete
  2. @Natascia&Paolo&Viola - Il programma dietetico prevede solo tanto buon senso, lo stesso che mi fece scendere a 84 chili alla fine dell'anno scorso. Ora sono a 90 e sto facendo un po' fatica a scendere sotto, anche a causa dei continui spostamenti e delle troppe cene fuori casa, oltre che a causa del cibo che ci danno dalle piattaforme quando al lavoro...

    @Stefano - Beh che? Eccomi! :-)

    ReplyDelete